Applicazione della Teoria dei Giochi al Processing

APPLICAZIONE DELLA TEORIA DEI GIOCHI AL PROCESSING

Con gli elementi dei giochi che emergevano come fondamenti dell’auditing, Ron iniziò un Corso Professionale molto speciale. Mentre aveva descritto a grandi linee le teoria dei giochi e la sua applicazione nelle conferenze Rimedio dell’Havingness, Il Perché dei Giochi, ora si assunse l’impegno di istruire gli studenti sull’esatta Applicazione della Teoria dei Giochi al Processing. Qui ci sono i tre fattori che sono alla base del fenomeno dell’essere “bloccato su una vittoria”. Qui c’è anche la spiegazione a fondo della condizione di nessun gioco. Inoltre ci sono tre conferenze dedicate ai Sei Livelli di Processing che sono indirizzate all’applicazione di specifici procedimenti. Questa serie di conferenze, che registra molti avanzamenti che formano l’essenza di Scientology: I Fondamenti del Pensiero, contiene tecnologia così importante che avrebbe preso il suo posto come componente centrale dell’auditing standard. E come sommario finale di che cosa ha rappresentato, ci sono niente di meno che i mezzi per ripristinare il controllo del proprio destino da parte di un essere. Perché come Ron disse: “Sei l’esperto della consapevolezza. E usi quella consapevolezza per renderlo consapevole delle barriere e della libertà. E se lo fai alla perfezione, vinci. E questo è il gioco dell’auditing.”

Leggi anche

acquista
€130
Quantità
Lingua
Spedizione gratuita Attualmente idoneo spedizione gratuita.
In stock
Spedizione entro 24 ore
Imposta­zione:
Compact Disc
Conferenze:
9

SCOPRI DI PIÙ APPLICAZIONE DELLA TEORIA DEI GIOCHI AL PROCESSING

Non state cercando di trovare qualcosa che non va nel preclear e di metterlo a posto. State piuttosto cercando di trovare come potete far migliorare il preclear. In realtà non è nemmeno necessario che, per farlo migliorare, cerchiate una barriera al suo miglioramento, dato che ci sono certe cose che lui dovrebbe essere in grado di fare. Quindi non ci interessa un granché perché non le può fare, ci interessa solo che le faccia. — L. Ron Hubbard

Prima del febbraio 1956 Ron aveva passato cinque mesi a Londra. Il suo scopo era non solo consolidare la struttura organizzativa di Scientology in Gran Bretagna, ma anche aggiornare gli auditor sui progressi tecnici raggiunti nei due anni precedenti mentre sviluppava contemporaneamente il modo di disseminare in modo da spalancare le porte. La risposta che ne ottenne costituì, sotto tutti gli aspetti, un successo senza precedenti.

Sul fronte organizzativo, la Hubbard Association of Scientologists International era cresciuta al punto che i locali originali non erano più sufficienti, e si era trasferita in locali più ampi a Brunswick House sull’affaccendata Palace Gardens Terrace. Allo stesso tempo la disseminazione prendeva il via, sia in termini di consapevolezza di Scientology da parte del pubblico che nella sua applicazione nell’ambito della società. Con una serie di famose conferenze pubbliche tenute personalmente al New Lindsey Theatre, traboccante di pubblico, Ron aveva anche ottenuto un riconoscimento nazionale dai giornali che lo presentavano come “pioniere” delle “frontiere della mente e oltre”. L’estensione che le azioni di disseminazione avavano raggiunto è esemplificata dal fatto che un arcivescovo, che era diventato uno studente del Corso Professionale, faceva percorrere alla congregazione dell’Antica Chiesa Cattolica del Buon Pastore a Chelsea, la penultima lista di Self-Analisi.

Ma di rilievo ancora maggiore, e ancora più importanti per Ron, erano le serie di sviluppi tecnici senza precedenti elaborate nel giro di quei pochi mesi. In particolare, nell’ottobre 1955, Ron aveva iniziato a tenere il Quarto Corso Seminariale Avanzato di Londra (ACC) in cui aveva tenuto agli auditor conferenze su scoperte fondamentali per tutti i casi, e li aveva addestrati in un arsenale di nuove procedure. Poi, mentre l’ACC era ancora in pieno corso, aveva dato l’avvio a conferenze regolari: la Riunione degli Auditor di Londra. Grazie all’applicazione della tecnologia più recente, a una vasta gamma di preclear da parte di auditor diplomati dall’ACC ed alla supervisione di Ron dell’istruzione degli auditor di Londra, un fattore cominciava ad emergere come elemento chiave nell’auditing: i Giochi.

Questo fattore aveva in effetti una tale importanza che Ron iniziò a tenere un Corso Professionale davvero d’eccezione. Mentre aveva tracciato la teoria dei giochi e la sua applicazione nelle conferenze della Riunione degli Auditor di Londra, a quel punto cominciò a dedicarsi ad istruire gli studenti nell’esatta codificazione e applicazione della Teoria dei Giochi nel processing. In effetti la tecnologia era talmente primaria per tutto l’auditing, che sarebbe culminata nel memorabile: Scientology: I Fondamenti del Pensiero.

Specificamente, la Vita è un gioco. Cosa ancora più rilevante, e fatto che Ron stava facendo capire perfettamente a questi studenti, era l’importanza per l’auditing di una considerazione che sta praticamente alla base di tutta la traccia: per avere libertà una persona deve avere dei limiti.

“Dite: ‘Voglio rendere libero questo preclear’. Come fate a renderlo libero? Dategli almeno una barriera.

Deve avere qualcosa da cui essere libero. Se una persona non è da nessuna parte, la sua libertà non esiste. Se non ha nessun limite o barriera è in pessimo stato. Ciò è dimostrato dal fatto che, semplicemente ripristinando le barriere della gente, la eleviamo in intelligenza, la eleviamo in abilità, la eleviamo in felicità e le diamo un gioco.”

Quindi, ecco l’applicazione del Processing sui Giochi all’auditing, insieme a una serie di dati ed applicazioni correlati:

  • Energia: strofinando dei pensieri su un po’ di energia, un thetan la può far sparire;
  • Potere di Scelta: la sua relazione all’havingness;
  • Barriere: un’havingness che è un problema di cui una persona vorrebbe essere libera;
  • Non-knowingness: in che modo costituisce una delle barriere e dei limiti di un gioco;
  • Mock-up: come nel corso della ricerca, il peso di una persona è aumentato da 90 a 104 chili come risultato di un mock-up che lei aveva spinto nel proprio corpo;
  • Ciclo-di-azione: la sua relazione a libertà, havingness e problemi;
  • Sei Livelli di Processing: il loro sviluppo ed applicazione al Processing dei Giochi;
  • Confusione: come porvi rimedio con l’introduzione di un dato stabile;
  • Valutazione: la definizione di valutazione è cercare di forzare sul preclear la realtà dell’auditor, che non è la realtà del preclear.

Dopo aver terminato con successo questo Corso Professionale, Ron pubblicò tecnologia talmente chiave che in seguito avrebbe avuto un riflesso su tutti gli sviluppi ed avrebbe guadagnato la propria posizione come componente centrale dell’auditing standard. Per riassumere ciò che essa rappresentava, basti dire che forniva i mezzi di restituire agli esseri il controllo del proprio destino:

“Siete auditor. Vi occupate della thinkingness e della livingness di una persona e siete in grado in tal modo di farle cambiare idea. Queste cose sono vere in teoria, ma non funzionano nell’universo fisico tramite drammatizzazione ed azione. Proprio come può drammatizzare in eterno un engram di collera senza mai esaurirlo, così una persona può vivere in eterno in quest’universo senza mai esserne consapevole abbastanza da buttarsi a capofitto in un’altra direzione, vedete? Potrebbe continuare per sempre a seguire una base di inconsapevolezza.

Voi siete gli esperti della consapevolezza. E usi quella consapevolezza per renderlo consapevole delle barriere e della libertà. E se lo fai alla perfezione, vinci. E questo è il gioco dell’auditing.”